IF Articoli

Linea AV/AC Torino-Novara Viadotto Santhià: valutazione degli effetti della viscosità del calcestruzzo dell’impalcato

 

Il viadotto Santhià, sulla linea ferroviaria

AV/AC Torino-Venezia tratta Torino-Novara, in esercizio

dal Febbraio 2006, è costituito da campate da 25 e

20.50 m semplicemente appoggiate sulle pile per una lunghezza

complessiva di 3783 m; l’impalcato è realizzato

mediante un monocassone con getto unico. Le misure della

regolarità del binario effettuate hanno evidenziato un

particolare andamento del livello longitudinale sul viadotto,

con cuspidi sulle pile e punti di colmo sulle mezzerie

delle campate. Il fenomeno è stato attribuito al fatto che i

tempi di maturazione del calcestruzzo prima della regolazione

dell’armamento sono stati talmente ridotti che parte

della deformazione viscosa dell’impalcato, relativa a

precompressione e peso proprio, è avvenuta ad armamento

posato. Nella memoria viene illustrato il fenomeno e

viene condotta una valutazione analitica della suddetta

 

ipotesi mediante la definizione delle curve di viscosità secondo

le più evolute normative tecniche internazionali.

Infine sono condotte valutazioni su eventuali ripercussioni

future all’esercizio dell’opera.

  • Febbraio
2009
Num. 2
Pag. 109